Credito d’imposta R&S

14 Mag 2019

vantaggi finanza agevolataIl credito d’imposta R&S fa parte di quegli strumenti introdotti dal legislatore a sostegno delle imprese che negli ultimi anni hanno consentito alle aziende di ottenere un duplice risultato: un risparmio economico sul fronte delle imposte e una notevole crescita nell’ambito dell’approccio a attività innovative e sperimentali (in particolare per quanto riguarda il credito d’imposta R&S).
Seppur diversi tra loro i crediti d’imposta presentano alcuni tratti comuni quali: utilizzo in compensazione, indicazione nella dichiarazione dei redditi e la trasmissione della delega di pagamento per il tramite dei servizi telematici delle Entrate.
Nello specifico il credito d’imposta R&S è stato, dal momento della sua introduzione, oggetto di numerose modifiche e continua ad essere oggetto di dibattito tra gli addetti ai lavori. La Legge di Bilancio 2019 ha introdotto alcune importanti novità pur mantenendo inalterati i criteri applicativi e la base incrementale della stessa misura.

Sul fronte degli adempimenti le principali novità sono le seguenti:

  • Fruizione subordinata a certificazione contabile;
  • Certificazione obbligatoria per tutti gli Enti;
  • Relazione tecnica sottoscritta dal Legale Rappresentante dell’azienda.

Queste importanti novità si riferiscono a progetti effettuati dalle aziende nel 2018 e, di conseguenza, hanno impatto sulla fruizione per le imprese nel corso del 2019.

Per il credito d’imposta R&S 2019 (e quindi con impatto sul 2020) sono previste novità relative alle spese ammissibili e alle relative percentuali. Di fatto l’agevolazione viene ridotta al 25%, ma può essere nuovamente elevata al 50% per spese relative a personale, collaborazioni e commesse di ricerca con Startup innovative, Pmi innovative o Enti di Ricerca/Università.
Il vero elemento di novità, tuttavia, è rappresentato dall’introduzione, come spesa ammissibile, dei costi relativi ai materiali utilizzati in ambito Ricerca & Sviluppo anche per la realizzazione di prototipi o impianti pilota.
Si tratta di un elemento importante che si affianca alle voci “strumentazione” e “attrezzatura” che erano già previste dal precedente provvedimento.

Ulteriori novità per il triennio 2020-2021-2022 sono attese col DL crescita pubblicato lo scorso 30 Aprile e in attesa dei relativi decreti attuativi.

Quando intervenire sulla finanza d’impresa?

Quando intervenire sulla finanza d’impresa?

Alla Fiera del Credito di Milano abbiamo parlato di finanza agevolata e del ruolo dei commercialisti, parte attiva nell’indicare alle aziende quando intervenire sulla finanza d’impresa, ambito troppo spesso trascurato.
Intervista a Gabriele Brioschi, CEO Founder Arkadia GMA srl (al minuto 3.52)

Voucher Innovation Manager

Voucher Innovation Manager

È stato pubblicato il decreto sugli incentivi alle PMI per comprare consulenza qualificata sull’innovazione; il Voucher Innovation Manager ha il merito di stabilire in modo univoco i requisiti per diventare Innovation Manager qualificato, sia come persona fisica sia come azienda. L’Innovation manager presidia tre grandi macro aree: adozione di tecnologie, processi interni e sul mercato e dinamiche del mercato finanziario. 

Finanza agevolata? Sì grazie

Finanza agevolata? Sì grazie

La Finanza Agevolata rappresenta per le imprese un asset strategico, di difficile gestione a causa dell’incapacità cronica del nostro Paese di dare continuità e stabilità a un sistema troppo frammentato per essere efficiente ed efficace….Quindi meglio evitarla?

GDPR: sicuri di essere a norma?

GDPR: sicuri di essere a norma?

Ancora molte imprese ed enti pubblici sono impreparati ad accogliere le novità del Regolamento UE (GDPR) sulla protezione dei dati personali. Il Regolamento ridisegna il concetto di privacy introducendo norme specifiche su modalità di trattamento dei dati, diritti dei soggetti interessati…

Share This